Invia il tuo racconto
Poeticon

A SAPELLO

single image

Poesia di Giorgio Rinaldi

(Pubblicazione – 14 novembre 2020)

 

 

A sapello, a sapello prima sarvognuno, e chi se sarebbe persa l’occasione

de ‘mbasti’ ‘na mandrakata speciale, quant’è vero Iddio,

v’avrei fatto veni’ a tutti er mammatrone;

a sapello ch’eravate tutti poeti, c’avrei pensato io!

 

Me sarei anniscosto due o tre giorni dentro casa mia,

poi avrei mannato pe’ strada a strilla’ un par de compari:

“Giggi è morto! A Vecchia stanotte se l’è portato via!”

A battese er petto e a raja’ che a confronto so’ gnente du’ somari.

 

E allora, passato er primo momento de dolore,

daje a poesie e inni, quartine e sonetti a profusione

tutti a verseggia’ e a piagne l’omo e l’attore

‘che nessuno ce pò esse de pari arte e professione.

 

C’è chi piagne, chi s’aricorda, chi dice “io l’ho conosciuto,

giù a Trastevere ‘na sera, j’ho sorriso e lui m’ha salutato”

o “ ’na domenica ao stadio proprio davanti a me stava seduto”

E chi se ‘mmagginava de scatena’ cotanto risultato!

 

Allora sarei sortito fori, così, de botto, all’improvviso

pe’ divve grazie poeti, grazie de core, e scusate se v’ho cojonato,

ma a me me piace ammischia’ le lacrime ar sorriso;

mò però nun ve fermate, nun lasciate quer fojo immacolato,

 

‘che l’arte e la poesia so’ er motore der Creato,

co’ loro ve sentirete sazi senza ave’ magnato.

Leave a Comment

Your email address will not be published.

TI POTREBBE
INTERESSARE: